Torre dell’orologio di Venezia: cose da vedere

  • 2 min di lettura

La Torre dell’orologio è senza dubbio uno dei simboli più iconici di questa meravigliosa città, che domina l’ingresso alla via commerciale principale, l’antica Merceria. Questa torre non è solo un capolavoro architettonico, ma anche un punto di connessione tra le diverse parti della città e le varie funzioni urbane che da essa si diramano.

La storia della Torre dell’Orologio

La decisione di costruire un nuovo orologio pubblico a Venezia risale al 1493, quando il Senato incaricò Zuan Carlo da Reggio per la realizzazione di un nuovo orologio. Nel 1495 fu scelta la posizione sopra la Merceria, e nel 1499 l’orologio fu finalmente completato e aperto al pubblico. Nel corso dei secoli, la torre ha subito diverse modifiche e restauri, ma ha mantenuto la sua bellezza e importanza storica.

L’architettura della Torre

La Torre dell’Orologio è un esempio di ingegneria e design eccezionale. Con il suo grande orologio astronomico e le statue dei mori che la decorano, la torre si erge maestosa sulla Piazza San Marco. Le due ali laterali e le terrazze balaustrate aggiunte nel 1500 conferiscono alla torre un’imponenza unica, mentre le colonne e le balaustre aggiunte nel Settecento ne arricchiscono ulteriormente l’aspetto.

Restauri e modifiche

Nel corso dei secoli, la Torre dell’Orologio ha subito diversi interventi di restauro e modifica. Nel Settecento, Giorgio Massari ha aggiunto soprelevazioni alle ali e nuove balaustre, mentre a metà Ottocento sono state apportate modifiche alla struttura interna e all’aspetto esterno della torre. Nonostante queste modifiche, la torre conserva ancora il suo fascino e la sua importanza storica.

In conclusione, la Torre dell’Orologio di Venezia è un simbolo della città e un punto di riferimento per residenti e turisti. Con la sua storia affascinante e la sua architettura unica, questa torre merita sicuramente una visita durante il vostro soggiorno a Venezia.