Chiesa di Santa Maria del Giglio: cosa vedere

  • 2 min di lettura

Se sei un appassionato di arte e storia, non puoi perderti la visita alla Chiesa di Santa Maria del Giglio, situata nel cuore di Venezia, nel sestiere di San Marco. Questo luogo di culto cattolico, noto anche come Santa Maria Zobenigo, è un vero gioiello architettonico che racchiude secoli di storia e tradizione.

La storia

La chiesa, secondo antiche fonti, risale al X secolo e sarebbe stata costruita dalla famiglia Iubanico o Giubenico, con il contributo di altre importanti famiglie veneziane. Originariamente parrocchiale, la chiesa ha subito diverse ricostruzioni a causa di incendi, fino ad assumere l’aspetto attuale dopo il restauro del 1680. Durante le soppressioni napoleoniche, la chiesa ha avuto sotto la sua giurisdizione diverse filiali, ma attualmente è rettoriale e dipendente da San Moisè.

Come è fatta la Chiesa

L’aspetto esterno della Chiesa di Santa Maria del Giglio è dominato dalla maestosa facciata barocca, opera dell’architetto Giuseppe Sardi da Morcote. La facciata è caratterizzata da una serie di nicchie con statue e bassorilievi, intervallate da colonne ioniche e corinzie. Al centro del secondo ordine si trova la statua di Antonio Barbaro, attribuita allo scultore fiammingo Giusto Le Court. La facciata è stata descritta come un esempio di “celebrazione personalistica” dell’architettura barocca veneziana.

Curiosità: Sulla facciata sono presenti sei mappe stilizzate in pietra, rappresentanti le località dove Antonio Barbaro svolse le sue attività a favore della Repubblica di Venezia.

La Facciata

L’erezione del prospetto marmoreo della chiesa è dovuta a un legato di 30.000 ducati da parte di Antonio Barbaro. La facciata è considerata un capolavoro del barocco veneziano, con numerose statue e bassorilievi che raccontano la storia della famiglia Barbaro. La presenza di Vittorie nei pennacchi e Atlanti attribuiti a Tommaso Rues conferisce alla facciata un’atmosfera unica e suggestiva.

L’interno

L’interno della chiesa è a navata unica, con tre cappelle laterali per lato. La cappella maggiore, coperta da una volta a lunetta, ospita due sculture raffiguranti l’Annunciazione. Tra le opere d’arte presenti all’interno, spicca la tela Madonna col Bambino e san Giovannino di Pieter Paul Rubens, l’unico dipinto del maestro fiammingo conservato a Venezia.

La Chiesa di Santa Maria del Giglio è un luogo imperdibile per chi desidera immergersi nella storia e nell’arte veneziana. Scopri le meraviglie di questo gioiello architettonico e lasciati incantare dalla sua bellezza senza tempo.